Preset

Da qualsiasi pagina si può selezionare uno dei sei preset (Concert, Intimate, Player, Pop, Ambience, Mighty), che impostano automaticamente i parametri in modo ottimale per un particolare uso. Concert è il pianoforte classico ascoltato dalla platea, con tutto il riverbero della sala.



In questo estratto da Scriabin, suonato con il preset Concert, è ben avvertibile l’ambiente del Synchron Stage.

Intimate e Player spostano la prospettiva alla posizione dell’interprete. Player è particolarmente adatto alla registrazione, perché contiene la minor quantità di riverbero, che può essere eventualmente integrato con un altro riverbero in fase di mixaggio.



Il preset Intimate avvicina di molto l’ascoltatore.



Il preset Player offre la posizione più ravvicinata e meno riverberante.

Si può fare un confronto con un altro pianoforte di VSL, il vecchio Vienna Imperial, privo di riverbero registrato e integrato con un riverbero a convoluzione.



Vienna Imperial, un Bösendorfer campionato con grande accuratezza.

Pop ha il carattere del pianoforte che accompagna la voce, allo stesso tempo caldo e preciso. Alla musica da cinema sono invece dedicati Ambience, molto morbido e riverberante, e Mighty, con un riverbero molto più diffuso.



Il preset Ambience sembra fatto per cercare ispirazione, magari mentre si crea una colonna sonora o musica “d’ambiente”.



Il preset Mighty è anche più diffuso, con un evidente impiego di ritardo tra microfoni.

Si è comunque liberi di modificare e salvare le proprie impostazioni. Le personalizzazioni possibili, come abbiamo visto, sono moltissime.

vsl-stein-light-load

Si possono caricare e salvare nuovi preset.


Pubblicità/Ads

 
Stacks Image p11_n15